Torno dopo quasi un mese di assenza, chiedendo perdono per aver dovuto sospendere la rubrica [Chiedi alle Rune], che riprenderà la prossima settimana. Il motivo è semplice ed ho una fede d’oro al dito che lo dimostra. Lo dico perchè non mi pare ancora vero. Mi ritrova a fissare la mano e a dirmi “Ma è successo?”

Non voglio ammorbarvi con questo, però, state tranquilli. Voglio parlarvi di una terra magica, di persone gentili, di storia che respiri ad ogni angolo di prato che vedi. Eh sì che in Scozia è tutto un prato!

In Scozia c’erano fissi 13 gradi di temperatura. C’erano musicisti che suonavano le cornamuse ad ogni angolo della strada, alcuni vestiti di tutto punto con tanto di kilt e cappello, altri accompagnati da batteria. C’erano persone gentilissime che mi hanno regalato un biglietto dell’autobus, si sono fermate per strada a chiedermi se avessi bisogno di aiuto, a dirmi “Enjoy!”. C’erano enormi colline e prati verdi, di quelle che a volte sogni ad occhi aperti di percorrere con le braccia spalancate, magari correndo, per poi lanciare un urlo liberatorio. C’erano queste Chocolate Hot Fudge Cakes che lasciamo perdere… credo di aver guadagnato almeno dieci chili, ma ne è valsa la pena. C’erano pecore ovunque, ma non erano invadenti. Con mio marito abbiamo stabilito che è un esercito segreto dormiente, in attesa che il nemico invada ancora quelle terre, dato che il rapporto umano: pecora in Scozia è di 1:3. C’era un vero TARDIS a Glasgow! Della serie “The Doctor loves this city”.

 

Poi ho scoperto che Nessie è davvero timido con gli estranei, ma che la sua casa è un lago bellissimo. Ho scoperto che ci sono tanti clan quanti fili d’erba in un prato (ovviamente da brava fangirl, mi sono informata solo sui Fraser). Ho scoperto che nei primi cinque minuti del film Braveheart ci sono già 19 inesattezze storiche, vi lascio immaginare il resto del film. Ho scoperto che gli scozzesi sanno raccontare un sacco di storie, soprattutto che riguardano il whisky.

Ho respirato aria di magia, in Scozia. Di quella terrorizzante dei fantasmi e dei mostri, ma anche di quella del Piccolo Popolo, dispettosa e simpatica. Ho respirato aria di battaglie, ho visto castelli, mangiato torte al cioccolato… Tutto questo con la persona più importante.

Quindi,se avete bisogno di un po’ di aria fresca, di trovare un contatto con la natura, di mangiare torte al cioccolato e schifezze british (and scottish) e in particolare di vivere e vedere paesaggi incantati, andate in Scozia. Andate.

E ovviamente, enjoy!

Annunci